Titolo


Titolo
0.Cierre Edizioni (9)
1.Societ� dell'Informazione (1)
1.Societá dell'Informazione (7)
2.Storia della Comunicazione Mobile (1)
3.Personal Medium (8)
4.Mobile Web2.0 (6)
5.Business Models (4)
6.Controllori o Controllati? (5)
7.Diritto d'autore (e dintorni) (3)
8.Cosix (2)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Per megglio chiarire...
17/03/2011 @ 16:43:14
Di michelina
perché l'authority n...
15/06/2007 @ 10:35:56
Di Francesco Martinengo



feedburner
Valid XHTML 1.0 Transitional
Utenti online: 31 

18/08/2018 @ 22:32:24
script eseguito in 100 ms


\\ Home : Archivio : 3.Personal Medium (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 19/04/2009 @ 11:21:15, in 3.Personal Medium, linkato 1158 volte)

Questo è l'abstract del mio intervento che presenterò al workshop internazionale "current research needs in mobile communication" all'Università di Udine il 30.4.2009 alle 15 nella sessione "main issues in current research on mobile communication" moderata dal Prof.James Katz (Rutgers University).

Abstract - Beyond the small social group: scalability issues in mobile communications

Scalability is an important property of complex technical systems. Although there exist many definitions of the concept, scalability is typically related to measures of system performance (Hill, 1990; Hwang, 1992). A system scales well if its performance does not decrease when additional resources are added to a single node (vertical scalability) or when more nodes join the system (horizontal scalability).

As computer networks are inherently social networks (Wellman, 2001), scalability can be analyzed not only from the techical viewpoint of computer architectures, but also from the perspective of social interaction. In this context, horizontal scalability refers to the number of users, or size their social networks, while vertical scalability is about the properties of social ties and the flow of informational resources. With the convergence of computer networks and mobile networks into a global digital network, scalability issues in mobile applications can be investigated to identify current trends and challenges. One of main questions concerns the implications of mobile communication when its scale goes beyond interpersonal and small social group interactions and includes also many-to-many communication with the personal community.

From the perspective of social interaction, scalability issues in mobile communications have not been discussed much. Most scholars have highlighted the large-scale social, economic and political implications of small-scale interactions, taking for granted the interpersonal nature of mobile communication. Mentioning the role that the chains of text messages exchanged by Filipipos played in the resign of president Estrada in 2001, Katz and Aakhus (2002) observed that „the mobile phone, a quintessential instrument for two-way interpersonal comunication, can also work as a tool to spur and coordinate the action of masses for political change” (p.3). Rheingold (2002) coined the term smartmob to refer to the mobile-mediated large-scale mobilizations of people with a common goal, such as political protest. According to Ling (2004), smartmobs have not extended the traditional scope of mobile communications their nature is neither interactive nor allow modifying the original plans. The author goes further, considering one aspect of scalability, the number of people that can be coordinated, as one of the current limitations of the mobile device. Indeed, beyond the threshold of 8-10 persons, it is much easier to use time to coordnate a group rather than an interactive process mediated by mobile communications. When beyond that threshold, the scale of mobile communication enters in the domain of mobile virtual communities, the natural extension of virtual communities that exist online and present the following characteristics (Rheingold, 2003).:

o many-to-many, desktop and mobile, always on: instant access to people and informational resources;

o interactive coordination of small or large groups: even if the group is typicallly limited to 4-8 persons, mobile virtual communities can scale beyond that limit;

o shared purpose: gaming, social interaction, artistic media, business, politics.

However, Rheingold’s mobile virtual community is only one of the two main facets of mobile community. More specifically, what keeps mobile virtual communities connected is a shared interest rather than a person. On the contrary, it takes the name of mobile social network if the mobile community is centred on a single individual. Both egocentric mobile social networks and communitarian mobile virtual communities can benefit from the technical advances that took place with the process of digital convergence. Three are major novelties: the availability of sensors to establish social connectivity on the basis of physical promixity; the capability of broadband mobile connections to support rich-media interactive communication; and the transformation of mobile phones into portable multimedia computers, or smartphones, which open up an almost unlited number of interaction with people and objects.

Mobile social software (MoSoSo) is the class of mobile applications that enables mobile communities, widening the original scope of mobile communications beyond the small social group. From this perspective, MoSoSo is a natural complement to phone calls and text messages, applications designed for interpersonal communication. Being a product of the third generation of mobile technologies (3G), it provides a real meaning to a mature technological infrastructrure whose potential has not been yet exploited. Even if commercial MoSoSo applications are not widespread yet, a number of academic prototypes investigated mobile group support from different viewpoints, such as context awareness and proximity interaction (Holmquist et al., 1999; Espinoza et al., 2001; Rantanen et al., 2004; Eagle and Pentland, 2005). As this category of applications is expected to gain importance in the coming years, the research community should address the social implications of this structural change in the scale of mobile communications. For instance, what kind of support is needed to let users cope with non-stop flows of informational resources? Which are the new challenges for personal privacy management? Would self-organizing ad-hoc mobile communities represent a resource for grass-roots solution of the challenges of globalization or a thread to political stability? Gaining knowledge on such issues is essential to avoid turning MoSoSo applications and ubiquitous interaction from useful support to human action into gadgets increasing the complexity of people’s lives.

REFERENCES

Eagle, N., Pentland, A. (2005) Social serendipity: mobilizing social software, IEEE Persvasive Computing, Vol.4, n.2, pp.28-34.

Espinoza, F., Persson, P., Sandin, A., Nyström, H., Cacciatore, E., Bylund, M. (2001) Geonotes: social and navigational aspects of location-based information systems. In: Proceedings of the UbiComp ’01 , pp.2-17.

Hill, M.D. (1990) What is scalability?, ACM SIGARCH Computer Architecture News, Vol.18, n.4, pp.18-21.

Holmquist, L.E., Falk, J., Wigström, J. (1999) Supporting group collaboration with inter-personal awareness devices. Personal technologies, Vol.3, n.1&2, pp.13-21.

Hwang, K. (1992) Advanced computer architecture: parallelism, scalability, programmability, Mc Graw-Hill.

Katz, J.E., Aakhus, M. (2002) Perpetual contact. Mobile communication, private talk, public performance. Cambridge University Press.

Ling, R. (2004) The mobile connection: the cell’s phone impact on society. Morgan Kaufmann.

Rantanen, M., Oulasvirta, A., Blom, J., Tiitta, S., Mantylä, M. (2004) InfoRadar: group and public messaging in the mobile context. In: Proceedings of the 3rd Nordic conference on Human-Computer Interaction (NordiCHI), pp.131-140.

Rheingold, H. (2002) Smarmobs. The next social revolution. Basic books.

Rheingold, H. (2003) Mobile virtual communities. The feature.

Wellman, B. (2001) Computer networks as social networks, Science, Vol.293, n. 5537, pp.2031-2034.

Articolo Permalink Commenti Commenti (0)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Di Mobspace (del 19/04/2009 @ 11:02:05, in 3.Personal Medium, linkato 989 volte)
La ricerca sulle conseguenze sociali della comunicazione mobile è un'area di ricerca scientifica che è emersa solo di recente all'attenzione internazionale. Tra le persone che hanno contribuito alla consacrazione di quest'area vi è la Prof.ssa Leopoldina Fortunati, che già nel 1995 pubblicò una ricerca molto interessante sugli "italiani al telefono".

Recentemente, ho avuto l'onore di essere invitato dalla Prof.ssa Leopoldina Fortunati ad un workshop internazionale che si terrà a all'Università di Udine sui "current research needs in mobile communication". Il workshop, che si terrà il 30 Aprile 2009 a Palazzo Florio in Via Palladio 8, è patrocinato dalla Commissione per gli Scambi Culturali fra l'Italia e gli Stati Uniti (US-Italy Fulbright Commission). L'apertura del workshop sarà affidata al Prof. James Katz della Rutgers University, che è anche uno dei "founding fathers" degli studi sulla comunicazione mobile. Tra gli altri, Katz ha curato il libro Perpetual contact: mobile communication, public talk, private performance (2002), prima pubblicazione scientifica di grande impatto internazionale sugli aspetti sociali della comunicazione mobile. Questo libro, a cui ha contribuito anche la Prof.ssa Fortunati con il capitolo sulla comunicazione mobile in Italia, è una lettura fondamentale per tutti coloro che vogliono condurre ricerca in questo settore.

Nel corso degli anni, le pubblicazioni sulla comunicazione mobile si sono moltiplicate, dimostrando la crescita di un numero sempre crescente di studiosi, provenienti da diverse discipline e che hanno analizzato la comunicazione mobile da diversi punti di vista, usando sempre più spesso un approccio multidisciplinare. Il mio modesto contributo, Comunicazione mobile, pur non essendo una pubblicazione di carattere scientifico, si inserisce in questo filone di studi. La veloce evoluzione delle problematiche collegate all'uso quotidiano del telefonino, sempre più spesso collegato ad applicazioni di mobile Internet e di interazione con l'ambiente circostante tramite sensori, fa nascere una nuova serie di questioni e interrogativi sulle nuove conseguenze che l'adozione massiccia di nuovi servizi potrebbe portare nel giro di pochi anni. È questa una delle motivazioni che probabilmente hanno spinto la Prof.ssa Fortunati ad organizzare questo workshop su come esplorare le nuove frontiere della comunicazione mobile dal punto di vista scientifico.

Il programma, veramente interessante, è il seguente:

9.00 – 9.30 Welcome addresses

Cristiana Compagno, Vice-Chancellor of Udine University

Maria Grazi Quieti, The US-Italy Fulbright Commission


10.00 - 10.30: Keynote speaker: James Katz (Rutgers University and Fulbright Distinguished Chair at the University of Piemonte Orientale - Vercelli) Communication and small group integration among primates: relevance for mobile communication studies"

Session 1: Current theoretical issues on Mobile Communication

Chair: Leopoldina Fortunati

10.00 - 10.30: Joachim Höflich (Erfurt University, Germany) Mobile Communication in Context

10.30 – 11.00: Shin Dong Kim (Sciences Po Paris, France & Hallym University, ) A great migration: mobility and the extension of social space

11.30 – 12.00: Letizia Caronia (University of Bologna, ) Mobile Learning through language, Mobile learning about language: Text messaging as a metalinguistic practice

12.00 – 12.30: Nello Barile (IULM University, Milano, ) Towards the ontobranding perspective: mobile phones and other ubiquitous devices as a new way in which reality can promote itself

12.30 – 13.00: Luciano Seta (CNR – Palermo): Who (or what) is mobile in mobile learning?

Session 2: Main issues in current research on mobile communication

Chair: James Katz

14.30 – 15.00: Satomi Sugiyama (Franklin College of Lugano, Switzerland). Mobiles and interpersonal relationships: Issues of relational development and maintenance at a distance in the context of higher education

15.00 – 15.30: Giuseppe Lugano (University of Jyväskylä, Finland) “Beyond the small social group: scalability issues in mobile communications

15.30 – 16.00: Giuseppina Pellegrino (The University of Calabria, ) Mobility as Communication: Challenges and changes from design of ubiquitous computing systems

16.30 – 17.00: Andraž Petrović (University of Ljubljana, Slovenia Communications and Digital Socialities

17.00 – 17.30: Matteo Tarantino (Catholic University of Milano, Italy) One Renminbi Convergence”: mobile phones and multimedia consumption in Chinese migrant workers

17.30 - 18.00 : Leopoldina Fortunati (University of Udine)De-structuring the mobile phone

Round-table: new developments in research on mobile communication


Articolo Permalink Commenti Commenti (0)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Di Florent Costes (del 13/11/2008 @ 21:03:47, in 3.Personal Medium, linkato 1161 volte)
Dal 14 al 16 novembre si tiene a Parigi la seconda edizione del Festival europeo dei 4 schermi, un evento che si inserisce pienamente nella rivoluzione digitale attuale.

Conoscevamo già il Festival pocket films di Parigi, il cui obiettivo era di esplorare la funzione del cellulare come strumento di creazione e di partecipare alla riflessione sui rapporti tra « l'arte, l'informazione, i media e la cittadinanza ». Questo appuntamento annuale creato nel 2005 dal Forum delle immagini di Parigi, in collaborazione con il Centre Pompidou e l'operatore mobile SFR, non è più l’unico nella rete di diffusione d’immagini concepite tra l’altro da e per i cellulari. Dall’anno scorso, il Festival europeo dei 4 schermi contribuisce anche all’espansione di questa rete. Perché il termine « 4 schermi »? Oggi, l'immagine si divora su quattro schermi sia complementari che in concorrenza: quello del cinema, della televisione, del computer e del cellulare.

Cosa possiamo scoprire in questa seconda edizione del festival ?

Fiction, documentari, servizi provenienti da tutta l’Europa e destinati al cinema, alla televisione, a Internet e ai cellulari. In tutto, una cinquantina di film presentati a tre giurie presiedute dal famoso archittetto Jean Nouvel. Conferenze, workshop e colloqui sono peraltro organizzati, nell’ambito dell’ ”Université de l’image” diretta dallo storico Jean-Noël Jeanneney. Tra le novità di quest’anno, da segnalare la sezione « Le immmagini Phone reporters » che presenta argomenti di attualità filmati da cittadini qualsiasi. Un’iniziativa che ricontestualizza ancora una volta il lavoro dei giornalisti, che devono accordarsi sempre di più con produzioni rese da non-giornalisti di tutto il mondo.

Ma è possibile fare un film con il telefonino ?

Registratore, diffusore, trasmettitore e ricevitore, il telefonino offre funzioni che erano dissociate fino a poco tempo fa. Nel 2001 né questo strumento né la velocità della Rete rendevano possibile la trasmissione di video della qualità attuale. Con la convergenza multimediale si è stabilito nel mercato della telefonia mobile un nuovo rapporto con l’immagine, grazie all’apparizione di telefonini che raggruppano le quattro funzioni sopra elencate. Questo nuovo utilizzo può fare sorridere, dal momento che la tecnologia della ripresa video su questi supporti necessita ancora molti miglioramenti. Infatti, rispetto alle videocamere digitali tradizionali, la qualità dell’immagine è relativamente bassa. Anche dal punto di vista dell’ottica, della sensibilità, della precisione, della risoluzione e del sonoro il risultato è piuttosto mediocre. Tuttavia, nonostante questo contesto poco favorevole, lo sfruttamento del telefonino come attrezzatura cinematografica ha sedotto numerosi professionisti dell’immagine.
Se alcuni creatori rimangono dubbiosi sul suo potenziale, la maggior parte delle persone che provano questo nuovo modo di fare cinema ne rimangono positivamente impressionata. Bisogna lavorare in modo diverso, tenendo conto delle caratteristiche dello strumento. Héléna Villovitch, regista e scrittrice, ha dichiarato durante la prima edizione del Festival pocket films : « Più si utilizza una tecnica che dà un risultato speciale, imperfetto, più bisogna investire nella ricerca di come utilizzarlo per arrivare ad un risultato che sia soddisfacente. [...] Lo strumento ci impone delle barriere. [...] Quello che mi interessa maggiormente in uno strumento come questo sono proprio i limiti che esso ha».
Lavorare con un telefonino sconvolge il lavoro di sceneggiatura tradizionale. Più accessibile di una camera digitale, il cellulare introduce una dinamica più personale di scrittura, tenuto conto della sua funzionalità e della sua semplicità d’utilizzo. Questo contribuisce a ridefinire l’importanza dei contributi filmati da cittadini qualsiasi. In netta opposizione all’immagine realizzata da professionisti, che garantisce qualità, riflessione e controllo, il video amatoriale risulta superiore in credibilità e ha anche l’opportunità di essere visto da un pubblico più vasto di quello dell’informazione tradizionale, perché diffuso in Rete a livello globale. Pertanto, il cittadino qualsiasi, grazie alla via democratica offerta dalle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione, occupa un ruolo più attivo, quello di creatore e autore a tutto tondo. Dal punto di vista dell’informazione, più che entrare in competizione con le produzioni professionali, i contributi realizzati dai cittadini riescono a meglio integrarle.

EN FRANCAIS: De nouvelles images pour de nouveaux regards

Du 14 au 16 novembre a lieu à Paris la deuxième édition du Festival européen des 4 écrans, un événement qui participe pleinement à la révolution numérique actuelle.

On connaissait déjà le Festival pocket films de Paris, dont le but est de questionner la fonction du téléphone mobile en tant qu'outil de création et de participer à la réflexion sur les rapports entre « l'art, l'information, les médias, la citoyenneté ». Ce rendez-vous annuel créé en 2005 par le Forum des images de Paris, en collaboration avec le Centre Pompidou et l'opérateur SFR, n'est plus seul dans le réseau de diffusion d'images conçues entre autres par et pour les téléphones mobiles. Depuis l'année dernière, le Festival européen des 4 écrans contribue également à l'expansion de ce réseau. Pourquoi 4 écrans ? Parce qu'aujourd'hui, l'image se dévore sur l'écran de cinéma, l'écran de télévision, l'écran d'ordinateur et l'écran de téléphone portable. Quatre écrans à la fois complémentaires et en concurrence.

Que peut-on découvrir dans cette 2ème édition du festival ?
Des fictions, des documentaires, des reportages issus de toute l'Europe et destinés au cinéma, à la télévision, à Internet et aux téléphones portables. Une cinquantaine de films présentés à trois jurys présidés par le célèbre architecte Jean Nouvel. Des conférences, ateliers et colloques sont par ailleurs organisées, dans le cadre d'une Université de l'image dirigée par l'historien Jean-Noël Jeanneney. Parmi les nouveautés de cette année, on notera la sélection « Les images Phone reporters » présentant des sujets d'actualité filmés par des amateurs. Une initiative qui interroge une nouvelle fois le travail des journalistes, ces derniers devant de plus en plus composer avec les productions de non-journalistes du monde entier.

Faire un film avec un téléphone ?
Enregistreur, diffuseur, transmetteur et récepteur, le téléphone mobile remplit des fonctions qui demeuraient dissociées il n'y a pas si longtemps. En 2001, ni cet outil ni la technologie réseau ne rendaient possible la transmission de vidéos. Un nouveau rapport à l'image s'est établi, grâce à l'apparition, sur le marché de la téléphonie mobile, de matériels rassemblant les quatre fonctions citées ci-dessus. Ce nouvel usage peut prêter à sourire, tant la technologie de la vidéo sur ces supports nécessite encore bien des avancées. En effet, au regard des caméras numériques traditionnelles, la qualité d'image est relativement décevante. Du point de vue de l'optique, de la sensibilité, de la précision, ou du piqué, le résultat est aussi médiocre que du point de vue du son. Toutefois, malgré ce contexte peu favorable, l'exploitation du téléphone en tant qu'équipement cinématographique a séduit de nombreux professionnels de l'image.
Si certains créateurs demeurent dubitatifs quant à son potentiel, la plupart qui s'essaie à cette nouvelle pratique en tire un bilan plutôt positif. Encore faut-il apprécier travailler dans la contrainte. Ainsi, Héléna Villovitch, réalisatrice et écrivain, déclarait lors de la première édition du Festival pocket films : « Plus on utilise une technique qui donne un résultat spécial, imparfait, plus il faut chercher comment l'utiliser pour arriver à un résultat qui nous convienne à la fin. [...] Le matériel à utiliser nous fixe des contraintes. [...] Ce qui m'intéresse dans un outil tel que celui-ci, c'est plutôt les défauts de l'outil lui-même».
Travailler avec un téléphone bouleverse le travail d'écriture traditionnel. Plus accessible qu'une caméra numérique, le mobile introduit une dynamique plus personnelle d'écriture, compte tenu de sa fonctionnalité et sa simplicité d'utilisation. Aussi cela contribue-t-il à redéfinir la place de l'image amateur. Longtemps opposée à l'image professionnelle, garante de qualité, de réflexion et de maîtrise, elle gagne aujourd'hui en visibilité et en crédibilité, l'amateur étant davantage considéré comme un créateur, un auteur à part entière, grâce à la démocratisation des nouvelles technologies de l'information et de la communication. Si elles n'entrent pas en concurrence avec les réalisations de professionnels, les pratiques amateurs viennent au contraire les compléter.
Articolo Permalink Commenti Commenti (0)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Di Mobspace (del 24/07/2008 @ 13:43:39, in 3.Personal Medium, linkato 1132 volte)

iPhone: cosa c’è, cosa non c’è

iphone.jpg

L’iPhone 3G, il tanto agognato oggetti dei desideri, è finalmente arrivato anche in Italia (e contemporaneamente in altri 69 paesi, tra cui la Finlandia). Le vendite, iniziate l’11 luglio, sono andate finora a gonfie vele, con Tim e Vodafone, distributori esclusivi per l’Italia, pienamente soddisfatti. In Italia potrebbe avere più successo che negli altri Paesi, visto che gli status symbol sono stati sempre molto apprezzati (anche in tempi di crisi economica). Naturalmente, non sono mancate le polemiche: quella più interessante è stata sollevata dal Movimento Difesa del Cittadino (Mdc), che ha spedito un esposto all’Autorità per le garanzie delle comunicazioni. In particolare, è stato criticato il modo in cui Vodafone e Tim hanno pubblicizzato l’iPhone, “i cui prezzi al pubblico appaiono essere in alcuni casi di gran lunga inferiori a quelli ipotizzati per il mercato italiano”. Per dovere di cronaca, il prezzo del modello di iPhone 3G con 8 Gigabye (GB) di memoria dovrebbe costare 499 euro, mentre per quello con 16 GB ben 569 euro. Al costo iniziale si aggiungono poi i costi dei servizi; per quanto riguarda quelli di mobile Internet, sui cui la Apple punta decisamente molto, il modello di business seguito è quello della “subscription” (abbonamento flat) che ipotizzavo nel capitolo di “Comunicazione Mobile” dedicato all’evoluzione del mobile market. In questo ambito, le offerte di Vodafone e Tim sono molto simili. Tanto per dare un’idea, con 10-12 euro al mese si ha diritto a 600 Megabyte (MB) di traffico. Quali applicazioni si possono usare e per quanto tempo? Questo è naturalmente un conto che spetta all’utente: le applicazioni multimediali sono quelle che “consumano” di più, in termini di banda, mentre quelle interattive come l’email hanno un peso inferiore. Ipotizzando che un video di 3 minuti YouTube occupi circa 20 MB, con 600 MB si possono scaricare 30 video al mese, in pratica uno al giorno.

Non mi dilungo troppo sulle varie tariffe dei due operatori, che si possono leggere sui siti ufficiali (nel linguaggio tipico del marketing) o attraverso l’analisi fatta dai giornalisti dei principali quotidiani. Secondo molti utenti, comunque, le tariffe sarebbero vantaggiose solo per gli operatori, che avrebbero trovato nell’iPhone una nuova miniera d’oro. Un sito ha iniziato addirittura una raccolta firme per denunciare i piani di abbonamento italiani come più cari di quelli disponibili all’estero (ma non è una novità: anche le tariffe dei nostri SMS sono le più alte!). La protesta si era concentrata soprattutto sull'assenza, nei listini italiani iPhone, di un piano con Internet senza limiti. Sembra che le proteste abbiano dato qualche frutto, visto che gli operatori hanno incluso nuovi profili tariffari. L’associazione Altroconsumo denuncia il comportamento dei negozianti, che limiterebbero la libertà di scelta del cliente, fornendo addirittura informazioni fuorvianti. Alcuni blogger suggeriscono trucchi su come tutelare i propri interessi, per esempio comprando l’iPhone e poi sbloccandolo dalla protezione che lo lega all’operatore / fornitore ufficiale. In questo modo, si potrebbero utilizzare le SIM card di altri operatori, come Wind o H3G, che offrono tariffe molto più convenienti per i servizi di mobile Internet.

Dopo aver parlato del loro costo, è importante anche precisare quali siano i servizi di iPhone 3G. La prima osservazione non riguarda tanto ciò che c’è (GPS integrato, fotocamera, sensori, integrazione con YouTube, funzionalità iPod…), quanto e soprattutto le caratteristiche che lo differenziano dagli altri modelli di telefonini. Prima di tutto, la scomparsa della tastiera a favore di uno schermo molto più grande. La tastiera da fisica diventa “virtuale”, ovvero è realizzata a livello software e presentata direttamente nell’interfaccia, che diventa “touch” (ovvero sensibile al tatto). La seconda grande novità è la scomparsa dei due servizi che erano stati lanciati per celebrare la generazione 2.G e 3G della telefonia mobile, ovvero MMS e video-chiamata. L’iPhone 3G supporta ancora la chiamata tradizionale e l’SMS (i servizi che hanno lanciato la comunicazione mobile) e aggiunge ad essi i servizi di mobile Internet. In realtà, la funzionalità dello MMS della video-chiamata sono riproducibili via Internet, rendendo inutile la loro realizzazione basata su rete mobile. Questa scelta commerciale decreta in modo eclatante il fallimento di MMS e video-chiamata, servizi che avevo criticato anche in Comunicazione Mobile. Probabilmente anche i maggiori concorrenti di Apple seguiranno questa strada, puntando su applicazioni più utili e avanzate.

Un’ultima questione richiede ancora una risposta: cosa manca ancora all’iPhone 3G? Pur essendo rivoluzionario, questo smartphone interpreta ancora la telefonia mobile come servizi a supporto della comunicazione interpersonale. Al contrario, non sono presenti nel menu principale applicazioni che permettano la formazione e gestione di mobile communities. E’ vero che le stesse possono essere accedute online tramite i servizi del Web2.0, ma allo stesso tempo non si sfruttano pienamente le grandi possibilità di realizzare una piattaforma di mobile social networking che estenda le funzionalità del telefonino / smartphone ben oltre la comunicazione interpersonale o in un piccolo gruppo. Esistono in questo senso tanti esempi di Mobile Social Software (MoSoSo) che però ancora non interpretano il loro ruolo al meglio. In particolare, nella maggior parte dei casi queste applicazioni sono messe al servizio di utenti visti, ancora una volta, principalmente come consumatori e non come cittadini attivi della Società della Conoscenza. Tecnicamente e commercialmente è facile realizzare l’integrazione YouTube / iPhone, ma ben più difficile è rendere iPhone uno strumento di cittadinanza attiva al servizio della sostenibilità. Perchè non permettere agli utenti, nel loro ruolo di individui, gruppi familiari e membri di associazioni / istituzioni locali, di condividere risorse e/o conoscenza, dando la possibilità di coordinarsi in modo autonomo con lo scopo di ridurre le spese, risolvere in modo collettivo problemi complessi, realizzare una società di rete più dinamica e meno basata su caste/gerarchie secolari e soprattutto, mobilitarsi per salvaguardare l’ambiente?
Articolo Permalink Commenti Commenti (0)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Di Mobspace (del 06/06/2008 @ 13:18:09, in 3.Personal Medium, linkato 1577 volte)

 

 

  I telefonini ormai fanno veramente di tutto; nel terzo capitolo di “Comunicazione Mobile” avevo addirittura paragonato il telefonino al coltellino svizzero, utile principalmente in situazioni di emergenza. Tra le ultime invenzioni, EMMA, il telefonino che fa l’ecografia, inventato dall’ideatore sudcoreano Hyoung Won, e addirittura il telefonino che fa il caffè, di cui non ricordo il nome, ma che ho avuto modo di vedere in un servizio dell’emittente Tv5 Monde. Sicuramente non ci fermeremo qui e presto si parlerà di porto d’armi necessario per acquistare i telefonini-pistola

In questo post vorrei soffermarmi non sulle nuove funzionalità che sono quotidianamente aggiunte al nostro inseparabile compagno, ma sul confronto con un oggetto che di tecnologico ha ben poco: la bottiglietta d’acqua. L’idea di fare un parallelo fra i due oggetti mi è venuta nel momento in cui stavo riempiendo a casa la mia bottiglietta da mezzo litro per portarla in treno. Ho pensato: 

“la bottiglietta d’acqua sta al rubinetto come il cellulare al telefono di casa”

Ovvero, la bottiglietta è un rubinetto “senza fili”, che permette di avere sempre accesso ad una risorsa preziosa, ovvero l’acqua. Pertanto, la prima similitudine fra i due riguarda la portabilità; purtroppo, la libertà dell’accesso (all’acqua o all’informazione/comunicazione) non è illimitata: infatti, entrambi gli oggetti hanno una limitata capacità, determinata rispettivamente dalla grandezza della bottiglietta e dalle proprietà della batteria. Quando è bevuta l’ultima goccia o quando appare il fatidico messaggio “batteria scarica” allora bisogna correre verso un punto dove ricaricare l’oggetto grazie ad un rubinetto o a una presa elettrica. In questo caso, la bottiglietta è più immediata in quanto non ha bisogno di un caricatore. Pertanto, questo ci fa concludere che entrambi gli oggetti sono ricaricabili. Inoltre sia la bottiglietta d’acqua che il telefonino, da soli, hanno poco valore, in quanto entrambi dipendono da una rete di fornitura della risorsa di cui hanno bisogno. La bottiglietta d’acqua dipende, attraverso il rubinetto, dalla rete idrica, mentre il telefonino dalla rete elettrica (per il caricamento della batteria) e dalla rete di telecomunicazioni (per il segnale). Se poi consideriamo anche le dipendenze con la rete Internet o WiFi per i vari accessi all’informazione, allora la situazione diventa ancora più complessa. Anche in questo caso, la bottiglietta vince il confronto in quanto presenta meno dipendenze per il funzionamento ottimale. E le somiglianze fra i due oggetti non finiscono qui! Infatti, sia la bottiglietta d’acqua che il telefonino sono oggetti personali e personalizzabili. In fatto di personalizzazione, il telefonino sicuramente presenta più possibilità, in quanto la bottiglietta può essere trasformata in “oggetto artistico” strappando l’etichetta, disegnandoci sopra con il pennarello o cambiando il tappo. Di sicuro comunque, molte più persone sono abituate a cambiare lo sfondo o la suoneria del proprio telefonino di quante invece si sbizzarriscono a personalizzare la propria bottiglietta. Per quanto riguarda invece la natura personale dell’oggetto, c’è da dire che entrambi hanno un possessore, ma possono essere condivisi con altri (offrendo un sorso d’acqua all’amico o dando la possibilità di fare una chiamata). Nella condivisione di risorse, il telefonino è più flessibile, in quanto non permette solo di condividere gli “atomi” (il telefonino), ma anche i “bit” (l’informazione). La natura digitale dell’informazione contenuta del telefonino fa sì che inviare un SMS, dare un numero di telefono ad un amico o trasferire una foto scattata grazie a Bluetooth siano tutti modi di condividere la comunicazione con altri.

Altre somiglianze possono essere trovate se si considera l’uso che si fa della bottiglietta d’acqua e del telefonino; entrambi si rivelano utili in emergenze, ma allo stesso tempo possono anche presentare dei pericoli per l’utente. Si pensi al caso delle bottigliette d’acqua contaminate da sostanze tossiche che diffuse nel Nord-Italia una vera e propria psicosi nel dicembre del 2003. Anche il telefonino si presenta come un’arma a doppio taglio, rivelandosi potenzialmente pericoloso per la propria salute (onde elettromagnetiche, distrazioni da telefonino, mobile addiction…) o per la propria privacy (intercettazioni), citando solo alcuni degli aspetti emersi dalle storie presentate dai media nel corso degli anni. Sia la bottiglia d’acqua che il telefonino, per essere usati al meglio, necessitano di conoscenza dello strumento da parte dell’utente, che in questo modo riesce a sfruttare le sue potenzialità e limitarne i rischi. Nel caso delle bottigliette d’acqua avvelenate, la maggior parte dei rischi poteva essere evitata semplicemente capovolgendo la bottiglietta prima dell’acquisto e vedendo se fuoriescono dal collo delle gocce. Di sicuro, dovendo giudicare tra bottiglia d’acqua e telefonino l’oggetto più sicuro, sceglieremmo il primo.

 

 bottiglia come communication mediumL’ultimo elemento di confronto riguarda la possibilità di replicare le caratteristiche dell’altro oggetto. Il telefonino riesce a offrire le funzioni di tanti altri oggetti d’uso quotidiano, come la televisione, la macchina fotografica, la cartina geografica…ma non è capace di tramutarsi in bottiglia d’acqua. Al contrario, la bottiglietta d’acqua si può trasformare in un “communication medium”; chi non ha mai sentito dire delle storie di naufraghi che hanno racchiuso le loro speranze di salvezza in un messaggio conservato all’interno di una bottiglietta? Mentre la comunicazione mobile viaggiava nell’etere, i messaggi in bottiglia erano affidati alle correnti dell’oceano, senza offrire né una garanzia di approdo né un eventuale soccorso. Il naufrago, infatti, contava sull’aiuto dello sconosciuto che eventualmente avrebbe letto il suo messaggio, mentre la comunicazione mobile avviene solitamente tra persone che si conoscono già.

Nonostante tutto, il messaggio in bottiglia dimostra la superiorità della bottiglietta d’acqua sul telefonino; per poter realmente “cambiare il mondo”, le nuove tecnologie non dovrebbero semplicemente offrire Internet o televisione sul telefonino. Troppo semplice! Esse sarebbero veramente innovazioni radicali se riuscissero a raggiungere la stessa potenza espressiva di un oggetto semplice come la bottiglietta, cioè offrendo la possibilità di accesso a risorse naturali indispensabili (come l’acqua). Qualche idea? Un telefonino-bacchetta rabdomante per reperire l’acqua nel sottosuolo o anche un telefonino con un filtro che renda potabile l’acqua salata…

Articolo Permalink Commenti Commenti (0)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2

< agosto 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

 


Titolo
Che tipo di telefonino hai?

 Telefonino "classico" (solo per telefonare)
 Cameraphone (classico + fotocamera)
 Smartphone (nuova generazione)

Visualizza i risultati  o

Titolo
Autore (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo