Titolo


Titolo
0.Cierre Edizioni (9)
1.Societ� dell'Informazione (1)
1.Societá dell'Informazione (7)
2.Storia della Comunicazione Mobile (1)
3.Personal Medium (8)
4.Mobile Web2.0 (6)
5.Business Models (4)
6.Controllori o Controllati? (5)
7.Diritto d'autore (e dintorni) (3)
8.Cosix (2)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Per megglio chiarire...
17/03/2011 @ 16:43:14
Di michelina
perché l'authority n...
15/06/2007 @ 10:35:56
Di Francesco Martinengo



feedburner
Valid XHTML 1.0 Transitional
Utenti online: 30 

20/08/2018 @ 06:47:53
script eseguito in 184 ms


\\ Home : Archivio per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 19/04/2009 @ 11:21:15, in 3.Personal Medium, linkato 1158 volte)

Questo è l'abstract del mio intervento che presenterò al workshop internazionale "current research needs in mobile communication" all'Università di Udine il 30.4.2009 alle 15 nella sessione "main issues in current research on mobile communication" moderata dal Prof.James Katz (Rutgers University).

Abstract - Beyond the small social group: scalability issues in mobile communications

Scalability is an important property of complex technical systems. Although there exist many definitions of the concept, scalability is typically related to measures of system performance (Hill, 1990; Hwang, 1992). A system scales well if its performance does not decrease when additional resources are added to a single node (vertical scalability) or when more nodes join the system (horizontal scalability).

As computer networks are inherently social networks (Wellman, 2001), scalability can be analyzed not only from the techical viewpoint of computer architectures, but also from the perspective of social interaction. In this context, horizontal scalability refers to the number of users, or size their social networks, while vertical scalability is about the properties of social ties and the flow of informational resources. With the convergence of computer networks and mobile networks into a global digital network, scalability issues in mobile applications can be investigated to identify current trends and challenges. One of main questions concerns the implications of mobile communication when its scale goes beyond interpersonal and small social group interactions and includes also many-to-many communication with the personal community.

From the perspective of social interaction, scalability issues in mobile communications have not been discussed much. Most scholars have highlighted the large-scale social, economic and political implications of small-scale interactions, taking for granted the interpersonal nature of mobile communication. Mentioning the role that the chains of text messages exchanged by Filipipos played in the resign of president Estrada in 2001, Katz and Aakhus (2002) observed that „the mobile phone, a quintessential instrument for two-way interpersonal comunication, can also work as a tool to spur and coordinate the action of masses for political change” (p.3). Rheingold (2002) coined the term smartmob to refer to the mobile-mediated large-scale mobilizations of people with a common goal, such as political protest. According to Ling (2004), smartmobs have not extended the traditional scope of mobile communications their nature is neither interactive nor allow modifying the original plans. The author goes further, considering one aspect of scalability, the number of people that can be coordinated, as one of the current limitations of the mobile device. Indeed, beyond the threshold of 8-10 persons, it is much easier to use time to coordnate a group rather than an interactive process mediated by mobile communications. When beyond that threshold, the scale of mobile communication enters in the domain of mobile virtual communities, the natural extension of virtual communities that exist online and present the following characteristics (Rheingold, 2003).:

o many-to-many, desktop and mobile, always on: instant access to people and informational resources;

o interactive coordination of small or large groups: even if the group is typicallly limited to 4-8 persons, mobile virtual communities can scale beyond that limit;

o shared purpose: gaming, social interaction, artistic media, business, politics.

However, Rheingold’s mobile virtual community is only one of the two main facets of mobile community. More specifically, what keeps mobile virtual communities connected is a shared interest rather than a person. On the contrary, it takes the name of mobile social network if the mobile community is centred on a single individual. Both egocentric mobile social networks and communitarian mobile virtual communities can benefit from the technical advances that took place with the process of digital convergence. Three are major novelties: the availability of sensors to establish social connectivity on the basis of physical promixity; the capability of broadband mobile connections to support rich-media interactive communication; and the transformation of mobile phones into portable multimedia computers, or smartphones, which open up an almost unlited number of interaction with people and objects.

Mobile social software (MoSoSo) is the class of mobile applications that enables mobile communities, widening the original scope of mobile communications beyond the small social group. From this perspective, MoSoSo is a natural complement to phone calls and text messages, applications designed for interpersonal communication. Being a product of the third generation of mobile technologies (3G), it provides a real meaning to a mature technological infrastructrure whose potential has not been yet exploited. Even if commercial MoSoSo applications are not widespread yet, a number of academic prototypes investigated mobile group support from different viewpoints, such as context awareness and proximity interaction (Holmquist et al., 1999; Espinoza et al., 2001; Rantanen et al., 2004; Eagle and Pentland, 2005). As this category of applications is expected to gain importance in the coming years, the research community should address the social implications of this structural change in the scale of mobile communications. For instance, what kind of support is needed to let users cope with non-stop flows of informational resources? Which are the new challenges for personal privacy management? Would self-organizing ad-hoc mobile communities represent a resource for grass-roots solution of the challenges of globalization or a thread to political stability? Gaining knowledge on such issues is essential to avoid turning MoSoSo applications and ubiquitous interaction from useful support to human action into gadgets increasing the complexity of people’s lives.

REFERENCES

Eagle, N., Pentland, A. (2005) Social serendipity: mobilizing social software, IEEE Persvasive Computing, Vol.4, n.2, pp.28-34.

Espinoza, F., Persson, P., Sandin, A., Nyström, H., Cacciatore, E., Bylund, M. (2001) Geonotes: social and navigational aspects of location-based information systems. In: Proceedings of the UbiComp ’01 , pp.2-17.

Hill, M.D. (1990) What is scalability?, ACM SIGARCH Computer Architecture News, Vol.18, n.4, pp.18-21.

Holmquist, L.E., Falk, J., Wigström, J. (1999) Supporting group collaboration with inter-personal awareness devices. Personal technologies, Vol.3, n.1&2, pp.13-21.

Hwang, K. (1992) Advanced computer architecture: parallelism, scalability, programmability, Mc Graw-Hill.

Katz, J.E., Aakhus, M. (2002) Perpetual contact. Mobile communication, private talk, public performance. Cambridge University Press.

Ling, R. (2004) The mobile connection: the cell’s phone impact on society. Morgan Kaufmann.

Rantanen, M., Oulasvirta, A., Blom, J., Tiitta, S., Mantylä, M. (2004) InfoRadar: group and public messaging in the mobile context. In: Proceedings of the 3rd Nordic conference on Human-Computer Interaction (NordiCHI), pp.131-140.

Rheingold, H. (2002) Smarmobs. The next social revolution. Basic books.

Rheingold, H. (2003) Mobile virtual communities. The feature.

Wellman, B. (2001) Computer networks as social networks, Science, Vol.293, n. 5537, pp.2031-2034.

Articolo Permalink Commenti Commenti (0)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Di Mobspace (del 19/04/2009 @ 11:02:05, in 3.Personal Medium, linkato 989 volte)
La ricerca sulle conseguenze sociali della comunicazione mobile è un'area di ricerca scientifica che è emersa solo di recente all'attenzione internazionale. Tra le persone che hanno contribuito alla consacrazione di quest'area vi è la Prof.ssa Leopoldina Fortunati, che già nel 1995 pubblicò una ricerca molto interessante sugli "italiani al telefono".

Recentemente, ho avuto l'onore di essere invitato dalla Prof.ssa Leopoldina Fortunati ad un workshop internazionale che si terrà a all'Università di Udine sui "current research needs in mobile communication". Il workshop, che si terrà il 30 Aprile 2009 a Palazzo Florio in Via Palladio 8, è patrocinato dalla Commissione per gli Scambi Culturali fra l'Italia e gli Stati Uniti (US-Italy Fulbright Commission). L'apertura del workshop sarà affidata al Prof. James Katz della Rutgers University, che è anche uno dei "founding fathers" degli studi sulla comunicazione mobile. Tra gli altri, Katz ha curato il libro Perpetual contact: mobile communication, public talk, private performance (2002), prima pubblicazione scientifica di grande impatto internazionale sugli aspetti sociali della comunicazione mobile. Questo libro, a cui ha contribuito anche la Prof.ssa Fortunati con il capitolo sulla comunicazione mobile in Italia, è una lettura fondamentale per tutti coloro che vogliono condurre ricerca in questo settore.

Nel corso degli anni, le pubblicazioni sulla comunicazione mobile si sono moltiplicate, dimostrando la crescita di un numero sempre crescente di studiosi, provenienti da diverse discipline e che hanno analizzato la comunicazione mobile da diversi punti di vista, usando sempre più spesso un approccio multidisciplinare. Il mio modesto contributo, Comunicazione mobile, pur non essendo una pubblicazione di carattere scientifico, si inserisce in questo filone di studi. La veloce evoluzione delle problematiche collegate all'uso quotidiano del telefonino, sempre più spesso collegato ad applicazioni di mobile Internet e di interazione con l'ambiente circostante tramite sensori, fa nascere una nuova serie di questioni e interrogativi sulle nuove conseguenze che l'adozione massiccia di nuovi servizi potrebbe portare nel giro di pochi anni. È questa una delle motivazioni che probabilmente hanno spinto la Prof.ssa Fortunati ad organizzare questo workshop su come esplorare le nuove frontiere della comunicazione mobile dal punto di vista scientifico.

Il programma, veramente interessante, è il seguente:

9.00 – 9.30 Welcome addresses

Cristiana Compagno, Vice-Chancellor of Udine University

Maria Grazi Quieti, The US-Italy Fulbright Commission


10.00 - 10.30: Keynote speaker: James Katz (Rutgers University and Fulbright Distinguished Chair at the University of Piemonte Orientale - Vercelli) Communication and small group integration among primates: relevance for mobile communication studies"

Session 1: Current theoretical issues on Mobile Communication

Chair: Leopoldina Fortunati

10.00 - 10.30: Joachim Höflich (Erfurt University, Germany) Mobile Communication in Context

10.30 – 11.00: Shin Dong Kim (Sciences Po Paris, France & Hallym University, ) A great migration: mobility and the extension of social space

11.30 – 12.00: Letizia Caronia (University of Bologna, ) Mobile Learning through language, Mobile learning about language: Text messaging as a metalinguistic practice

12.00 – 12.30: Nello Barile (IULM University, Milano, ) Towards the ontobranding perspective: mobile phones and other ubiquitous devices as a new way in which reality can promote itself

12.30 – 13.00: Luciano Seta (CNR – Palermo): Who (or what) is mobile in mobile learning?

Session 2: Main issues in current research on mobile communication

Chair: James Katz

14.30 – 15.00: Satomi Sugiyama (Franklin College of Lugano, Switzerland). Mobiles and interpersonal relationships: Issues of relational development and maintenance at a distance in the context of higher education

15.00 – 15.30: Giuseppe Lugano (University of Jyväskylä, Finland) “Beyond the small social group: scalability issues in mobile communications

15.30 – 16.00: Giuseppina Pellegrino (The University of Calabria, ) Mobility as Communication: Challenges and changes from design of ubiquitous computing systems

16.30 – 17.00: Andraž Petrović (University of Ljubljana, Slovenia Communications and Digital Socialities

17.00 – 17.30: Matteo Tarantino (Catholic University of Milano, Italy) One Renminbi Convergence”: mobile phones and multimedia consumption in Chinese migrant workers

17.30 - 18.00 : Leopoldina Fortunati (University of Udine)De-structuring the mobile phone

Round-table: new developments in research on mobile communication


Articolo Permalink Commenti Commenti (0)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1

< agosto 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

 


Titolo
Che tipo di telefonino hai?

 Telefonino "classico" (solo per telefonare)
 Cameraphone (classico + fotocamera)
 Smartphone (nuova generazione)

Visualizza i risultati  o

Titolo
Autore (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo