Titolo


Titolo
0.Cierre Edizioni (9)
1.Societ� dell'Informazione (1)
1.Societá dell'Informazione (7)
2.Storia della Comunicazione Mobile (1)
3.Personal Medium (8)
4.Mobile Web2.0 (6)
5.Business Models (4)
6.Controllori o Controllati? (5)
7.Diritto d'autore (e dintorni) (3)
8.Cosix (2)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Per megglio chiarire...
17/03/2011 @ 16:43:14
Di michelina
perché l'authority n...
15/06/2007 @ 10:35:56
Di Francesco Martinengo



feedburner
Valid XHTML 1.0 Transitional
Utenti online: 22 

10/12/2018 @ 18:58:04
script eseguito in 179 ms


\\ Home : Archivio per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Mobspace (del 13/06/2007 @ 00:01:38, in 0.Cierre Edizioni, linkato 977 volte)
Il libro "Comunicazione Mobile" sarà oggetto della prossima puntata di Radio Campus, in onda Giovedì 14.6 alle 23.09 su Radio1. La trasmissione è condotta dalla giornalista Rai Alma Maria Grandin. La puntata sarà anche disponibile in Rete come podcast a questo indirizzo.

Articolo Permalink Commenti Commenti (0)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Di Mobspace (del 11/06/2007 @ 23:59:42, in 0.Cierre Edizioni, linkato 963 volte)
Venerdì 15 giugno presso l’Aula Sauro Tulipani del Polo Informatico dell’Università degli studi di Camerino verrà presentato il libro "Comunicazione Mobile". Verrà affrontato l’interessante tema della comunicazione mobile, delineando le grandi opportunità da essa offerte e sensibilizzando il lettore alle principali problematiche poste dall’uso di tali tecnologie (nuovi diritti digitali, riservatezza, trattamento indebito dei dati personali). Durante l’incontro verranno prospettati anche i nuovi possibili scenari di impiego di queste tecnologie, illustrando il loro impatto nella vita quotidiana.

Dopo il saluto del Magnifico Rettore, interverranno Flavio Corradini, Direttore del Dipartimento di Matematica e Informatica, Emanuela Merelli, Presidente dei corsi di laurea in Informatica, Maurizio Pierlorenzi, Direttore della polizia postale e delle comunicazioni, Compartimento delle Marche e Lucia Ruggeri, coordinatore del Master in Diritto, economia e tecnologie informatiche.

L’incontro sarà seguito dalla cerimonia di consegna dei diplomi dei corsi di Computer forensic e di Master in diritto, economia e tecnologie informatiche, corsi nei quali, con approccio fortemente interdisciplinare, vengono studiate gran parte delle problematiche oggetto dello studio del libro.

La presentazione sarà preceduta da un servizio che la radio locale, RadioC1, manderà in onda Giovedì 14.6 alle 19.45 nel corso del notiziario. È possibile ascoltare la radio anche in Rete a questo indirizzo.
Articolo Permalink Commenti Commenti (0)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Di Andrea Lugano (del 11/06/2007 @ 11:10:00, in 5.Business Models, linkato 1153 volte)

Dove eravamo rimasti? Alle ultime parole famose, pronunciate a inizio marzo dal sottosegretario allo sviluppo economico, Filippo Bubbico, secondo il quale l’abolizione dei costi di ricarica non avrebbe portato ad un aumento delle tariffe (in Italia sono già tra le piú alte d’Europa) bensí ad una diminuzione. Ebbene, a distanza di un paio di mesi, facendo il punto della situazione, ci accorgiamo che, nonostante i buoni auspici governativi, ciò non è avvenuto.

Mancando originalità e innovazione, al management italiano delle compagnie telefoniche non resta che aggirare lo scoglio dell’abolizione delle ricariche, cambiando e aumentando le tariffe. Dopo il decreto Bersani lo scenario delle offerte commerciali è mutato totalmente, lasciando i consumatori smarriti e perplessi. Districarsi nella selva di nuove tariffe che cambiano continuamente non è cosa facile. Inoltre buona parte di esse sembra avere l’unico scopo di invogliare ad un consumo maggiore del telefonino (vedi spot “vitamine” di Tim). Luca Berardi, analista esperto di telecomunicazioni presso il gruppo di ricerca Idc, riassume così le mosse delle big: "gli operatori recupereranno parte dei costi di ricarica perduti, attuando varie manovre. In linea di massima, consigliamo agli utenti di conservare le vecchie tariffe, perché le nuove sono in media più care”.

Analizziamo caso per caso la situazione:


Wind. Ha eliminato a tappeto le vecchie tariffe sostituendole con nuove molto più care, imponendo questo cambiamento anche ai vecchi utenti. Al momento l’Autorità Garante delle Comunicazioni sta verificando se questo comportamento è regolare. Inoltre dal 16 aprileWind ha triplicato i costi per navigare sul cellulare al di fuori del portale mobile di Wind.

Tim. In questi giorni siamo bombardati dagli spot “Vitamina” Tim che invogliano gli utenti, in particolare i più giovani, a passare ancora più tempo al telefono. Un’ incitazione al delirio consumistico, che vede protagonista un target sensibile come quello dei teen-agers, che nello spot lottano per fare il record di tempo al telefonino. A parte la mancanza di originalità e creatività dal punto di vista pubblicitario, lo spot rappresenta un pessimo esempio per i giovani, già “ostaggio” dei telefonini, che andrebbero piuttosto invitati ad un uso più moderato e consapevole del mezzo. Anche le nuove tariffe introdotte da TIM non sono il massimo della originalità. Si tratta delle tariffe Tutto Compreso, che sono di tre tipi: 30, 60, 90 euro al mese, che a seconda del taglio includono una certa quantità di traffico per il telefonino (per esempio in Tutto Compreso 30 ci sono 250 minuti di chiamate verso tutti i numeri nazionali). Più che una novità sembra un ritorno al passato, cioè al canone. Questo ritorno alla “bolletta” e ai costi fissi è poco in sintonia con quegli ideali di libertà e di indipendenza che decretarono il successo delle carte ricaricabili che caratterizzarono la diffusione nel mercato del telefonino negli anni Novanta.
TIM ha poi aumentato i costi per l’accesso al portale mobile, il cui scatto è passato da 20 a 28 cent. Un altra manovra della dirigenza é stata quella di diminuire la commissione per le ricariche offerta ai tabbacai.
Concluedendo, la tariffa Tim più apprezzata rimane la TIM Club, esistente già prima del decreto Bersani e che costa 19 cent al minuto, 9 cent verso 3 numeri a scelta, Tim o rete fissa, senza scatto.

Vodafone.
Anche qui caos nelle tariffe. Dei 5 vecchi piani tariffari ne sono rimasti solo 2. Purtroppo tra quelle soppresse risulta anche Happy Ricarica, che secondo Altroconsumo era la tariffa Vodafone più economica. I nuovi arrivati sono You&Vodafone, Zero Limits e Vodafone Tutti. Le proposte non sono il massimo della chiarezza e richiedono la consulenza di uno specialista. Vodafone Tutti concede una tariffa scontata di 12 cent al minuto (con scatto di 16 cent) a chi fa almeno 15 euro di ricarica al mese. You&Vodafone ha uno scatto di 19 cent e costa 1,7 o 30 cent al minuto a seconda del numero chiamato. ZeroLimits include in 6 euro al mese mille minuti di chiamate verso numeri Vodafone, per le quali si paga solo il primo minuto; più 100 Sms e 100 Mms verso Vodafone. Il prezzo al minuto è 19 cent; 19 cent di scatto alla risposta. Alcune osservazioni nascono spontanee. In primo luogo lo scatto alla risposta, che rimane un’anomalia tutta italiana. In secondo luogo, dato che si può migrare verso nuovi operatori senza cambiare il vecchio numero, come si puó capire l’operatore del numero chiamato e quindi sfruttare la potenzialità di una tariffa come You&Vodafone e ZeroLimits? Perchè non attivare un servizio gratuito con cui l’utente può ottenere questa informazione? E per quanto riguarda la trasparenza si può sicuramente aiutare l’utente medio a decifrare le tariffe: quanto tempo sono 1000 minuti? Non sarebbe più appropriato parlare di ore? Anche Vodafone, per concludere, sembra voler semplicemente incitare i clienti ad un consumo maggiore.


3 Italia.
Dal caos post-Bersani è l’operatore che ne esce con un’immagine migliore, visto che é quella che ha apportato minori modifiche e non ha cambiato le tariffe. Ha però eliminato le ricariche Power, che davano dei bonus di traffico e ha aumentato il costo per cambiare il piano tariffario (da 6 a 9 euro).

Articolo Permalink Commenti Commenti (1)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

 


Titolo
Che tipo di telefonino hai?

 Telefonino "classico" (solo per telefonare)
 Cameraphone (classico + fotocamera)
 Smartphone (nuova generazione)

Visualizza i risultati  o

Titolo
Autore (1)

Le fotografie più cliccate


Titolo