Titolo


Titolo
0.Cierre Edizioni (9)
1.Societ� dell'Informazione (1)
1.Societá dell'Informazione (7)
2.Storia della Comunicazione Mobile (1)
3.Personal Medium (8)
4.Mobile Web2.0 (6)
5.Business Models (4)
6.Controllori o Controllati? (5)
7.Diritto d'autore (e dintorni) (3)
8.Cosix (2)

Catalogati per mese:
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
Per megglio chiarire...
17/03/2011 @ 16:43:14
Di michelina
perché l'authority n...
15/06/2007 @ 10:35:56
Di Francesco Martinengo



feedburner
Valid XHTML 1.0 Transitional
Utenti online: 30 

18/08/2018 @ 22:31:44
script eseguito in 128 ms


\\ Home : Archivio per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Nath (del 11/03/2007 @ 21:46:39, in 7.Diritto d'autore (e dintorni), linkato 1022 volte)
Sembra che la Francia non abbia le idee molto chiare in materia di legislazione sul diritto d'autore e i diritti connessi nella società dell'informazione. Lo dimostra un'articlo di Le Monde pubblicato il 23 febbraio 2007.

Da una parte, i francesi vogliono sviluppare l'accesso al software e ai sistemi operativi open source come Linux. Tanti parlamentari vogliono infatti che i poteri pubblici facciano un uso più ampio del software libero. L'autunno scorso, l'Assemblea Nazionale ha annunciato che, per la prossima legislatura i computer dei deputati, che attualmente utilizzano sistemi commerciali, saranno sostituiti da altri aventi Linux come sistema operativo. Fino qui tutto bene.

Dall'altra, essi rimangono molto rigidi sull'utilizzo dei Digital Rights Managements (DRM). Poco dopo l'annuncio dell'Assemblea Nazionale, a inizio gennaio, il Ministero della Giustizia ha emanato una circolare relativa alla repressione penale in caso di aggiramento dei DRM. Questa circolare ricorda che il copiare per utilizzo privato è permesso dalla legge sul diritto d'autore (DADSVI), ma se lo si fa aggirando i DRM esso diventa illegale. Significa che se una persona, per fare una copia di un film acquistato regolarmente su Dvd, ma protetto, scarica su Internet una versione sprotetta, sarà soggetto a una sanzione pecunaria di 750 euro. Inoltre, quando un utente scarica un file utilizzando un sistema P2P, egli lo diffonde allo stesso tempo. Ma la circolare non prende in considerazione questo fatto e prevede che l'utente sia punito solo per lo scaricamento e non per la diffusione. Invece, la Corte Costituzionale considerava entrambe queste attività come degli atti di contraffazione e quindi punibili di 300 000 euro di multa e 3 anni di prigione. Infine, la circolare fa la differenza tra gli utenti del P2P per uso privato e quelli che lo fanno a scopo di lucro, i quali sono soggetti ad una sanzione più grave.

Il paradosso che risulterà dall'applicazione di questa circolare sarà che i parlamentari francesi che useranno Linux saranno costretti a piratare i CD o DVD che vorrano utilizzare sui loro computer e quindi a non rispettare la legge. A dire il vero, la situazione in ambiente Linux è piuttosto complessa, in quanto già nel 2003 il suo inventore e guru del software libero, Linus Torvalds, si dichiarava possibilista a riguardo del supporto dei DRM da parte di Linux. Quattro anni più tardi, il problema non sembra risolto, anche se Linux viene spesso associato al motto "NO DRM" e Microsoft al suo utilizzo massiccio.

Per evitare altre contraddizioni simili a questa, il problema andrebbe affrontato da un altro punto di vista. Innanzitutto, il fenomeno della copia non è nuovo (si pensi alle fotocopie o alla registrazione di audiocassette), ma la novità portata dalla tecnologia digitale sta nella facilità del processo di copiare in grande quantità e velocemente. Inoltre, Internet, soprattutto con l'avvento della banda larga, rende la diffusione quasi instantanea. Questo progresso ha impaurito l'industria dei media e i creatori, che temono per i mancati ricavi. Invece di combattere il sistema (in questo caso il P2P), bisognerebbe trovare il modo di utilizzarlo per rinvigorire e innovare l'industria esistente.

Quindi, la prima sfida lanciata ai parlamentari è quella di risolvere il conflitto tra gli interessi dei proprietari (di opere e di software) e quelli dei consumatori per soddisfare sia gli uni che gli altri. Per esempio, si potrebbe valorizzare la figura dell'utente, inserendolo nella catena del valore dei contenuti digitali, rendendolo consapevole che azioni illegali si rivolterebbero non solo contro l'industria, ma anche contro gli stessi utenti.

Della seconda sfida ne parleremo in un prossimo articolo.
Articolo Permalink Commenti Commenti (0)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 11/03/2007 @ 17:48:12, in 1.Societá dell'Informazione, linkato 1219 volte)
Mentre le nazioni nel mondo si attrezzano per realizzare la Societá dell'Informazione, c'é giá chi sta pianificando il passo successivo... E chi se non il Giappone avrebbe potuto proporre il concetto di societá ubiqua, termine che suona male in italiano (in inglese é "ubiquitous society") ma che in pratica si propone di collegare tutti e tutto. Ebbene sí, oltre ad avere utenti "umani", Internet sará fatta anche di piccoli programmini, chiamati "agenti", che comunicheranno e scambieranno dati per offrire dei servizi al loro utente.

Lo strato di Internet che si aggiungerá a quello giá esistente si chiama "Internet of things", ovvero Internet di cose e ha il suo componente fondamentale nelle tag RFID, ovvero Identificatori a radio-frequenza, che spesso vengono presentati come i successori del codice a barre, ma che in realtá sono destinati a fare ben di piú...

Giusto per avere un'idea, dare un'occhiata ad un video che mi ha sconvolto, in cui un americano, intervistato in televisione, dichiara soddisfatto di essersi fatto impiantare sottopelle un trasmettitore a radio-frequenza...perché? Beh...secondo lui, perché rende la vita molto piú semplice! Tipo...aprire una porta senza chiave...ok, ma a quale prezzo....???
Articolo Permalink Commenti Commenti (0)  Archivio Archivio  Stampa Stampa
 
Pagine: 1

< agosto 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

 


Titolo
Che tipo di telefonino hai?

 Telefonino "classico" (solo per telefonare)
 Cameraphone (classico + fotocamera)
 Smartphone (nuova generazione)

Visualizza i risultati  o

Titolo
Autore (1)

Le fotografie piů cliccate


Titolo